Treccia al farro con biete e ricotta alla curcuma


TRECCIA AL FARRO P1040769 (2) OK 002

Oh no, no, no, no, no! E’ tardi! E’ tardi, sai? Io son già in mezzo ai guai! ….
Questa è una delle frasi rivolte ad Alice dal Bianconiglio e che calza alla perfezione con la mia treccia al farro di oggi!
Immagine dal web

Era già tardi ancora prima di iniziare..
Ho preparato di corsa l’impasto a causa di un contrattempo che mi ha portato fuori casa, e messo a lievitare nel forno spento.
Sono rientrata oltre l’orario previsto, ed incrociando le dita ho sbirciato nel forno: sembrava tutto a posto, ma era mooolto tardi per avere pronta la cena ad un orario accettabile.., e di conseguenza molto tardi anche solo per pensare di fare delle foto.. diciamo decenti!
Ormai era buio pesto, con queste giornate di pioggia è già buio pesto nel primo pomeriggio!
Ho preparato il ripieno, assemblato il tutto e infilato nel forno.
Le opzioni erano due: cuocere la treccia al farro, mangiarla e pazienza per le foto come del resto è successo già la prima volta che l’ho fatta, oppure inventare qualche cosa di diverso per cena.
Credo sia sufficientemente chiaro che la seconda opzione non è stata nemmeno considerata!
Vi chiedo uno sforzo di immaginazione dato che la treccia al farro è sparita in men che non si dica e l’unico pezzetto che sono riuscita a nascondere è quello della foto, ma vi garantisco che la rifarò a breve, e sarà la terza volta!
TRECCIA AL FARRO IMG_2692 (2) OK 001

Treccia al farro con biete e ricotta alla curcuma

Ingredienti

Per la base:
150 g. di farina di farro
100 g. di farina 0
150 ml di acqua
200 g. di lievito madre attivo
5 g. di miele
10 ml di olio evo
4 g. sale marino integrale
Per il ripieno:
350 g. di biete già scottate
50 g. di porro
30 ml di olio evo
sale e pepe
150 g. di ricotta di bufala
3 cucchiai di panna
1/2 cucchiaino di curcuma
Con le farine fare la fontana, inserire nel mezzo il lievito a pezzetti, l’acqua, il miele e iniziare ad impastare. Dopo qualche minuto aggiungere l’olio e il sale.
Lavorare fino ad ottenere un panetto liscio. Mettere nella ciotola coperta a lievitare per almeno tre ore o fino a quando raddoppia di volume. Io nel forno spento con la lucina accesa.
In una padella mettere l’olio e fare stufare il porro, aggiungere le biete, regolando con sale e pepe. Fare raffreddare.
In una ciotola lavorare la ricotta con la curcuma, diluendo con qualche cucchiaio di panna fino ad ottenere una crema spalmabile.
Trascorso il tempo di lievitazione stendere l’impasto in un rettangolo con le mani e al centro posizionare metà quantità di verdura, la crema di ricotta e sopra ancora la verdura rimasta.
Lungo i due lati lunghi fare dei tagli obliqui di circa cinque cm. come fosse una frangia.
Sigillare il ripieno portando le strisce di pasta al centro alternando una volta da destra e una da sinistra fino alla fine.
Fare lievitare ancora almeno mezz’ora e prima di infornare spennellare con olio.
Cuocere a 180° per circa 45 minuti.
TRECCIA AL FARRO P1040769 (2) OK 002
Ricetta tratta dal libro di Sara Papa.
Con questa ricetta partecipo a Orange is the new black
mini-contest (1)
Questo lievitato partecipa alla raccolta di Novembre 2014 di Panissimo, raccolta mensile ideata da Sandra di Sono io, Sandra e da Barbara di Bread & Companatico
Questo mese la raccolta è ospitata da Sandra
 
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbe piacerti anche...

2 commenti

  • Miu Mia
    29 novembre 2014 at 9:08

    Io credo che la vittoria più grande sia sempre la golosità con cui le preparazioni spariscono… e poi la scusa di doverla ripreparare per proporcela è piacevole quasi quanto la ricetta stessa! 😀

  • patrizia vendramin
    1 dicembre 2014 at 12:55

    sai che ti dico? Hai proprio ragione!! Ciao 🙂

LEAVE A COMMENT

Seguimi anche su…

CONGRANODISALE

Instagram

Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram
Instagram

Collaboro con La scuola di Cucina Intelligente

Gioco con

Image and video hosting by TinyPic